lunedì 4 giugno 2012

20134Lambrate_ L'alfabeto del vintage


                                                                                          
Vintage: può definirsi ufficialmente vintage un capo di abbigliamento o un accessorio prodotto tra il 1920 e fine anni ’80, che rispecchi i criteri stilistici in voga all’epoca della sua creazione.
D’epoca: sono considerati d’epoca abiti e accessori antecedenti il 1920. Spesso giungono a noi malconci, e sono praticamente impossibili da indossare: .sia per la fragilità dei tessuti che per le misure incredibilmente piccole.
                                            
Pre-owned: quel che per età non è ancora vintage, ma che ha comunque un valore. Abiti e accessori griffati smessi da facoltose signore alimentano un vero e proprio mercato parallelo, il cui esempio più noto riguarda le borse di Hermès.
Re-edition: è la versione odierna del revival, con l’aggiunta di un pizzico di marketing. Si tratta di un capo nuovo, realizzato in base a un modello d’archivio, spesso replicando le tecniche di lavorazione dell’epoca di riferimento.
Hand-made: letteralmente fatto a mano, indica prodotti di attività artigianale, spesso realizzati in minime quantità. Si lega spesso al vintage, attraverso il riciclaggio di parti di abiti o tessuti.
                                       
Recycled: riutilizzo, che può coinvolgere virtualmente qualunque cosa: stoffe, componenti, filati. Ora è più che mai di moda, soprattutto in combinazione con l’hand-made.
Customizzato: bruttissima italianizzazione di customized, che vuol dire semplicemente personalizzato. In riferimento al vintage, indica capi che sono stati modificati per alterarne la funzione o lo stile.
Second-hand: se all’inizio voleva dire “di seconda mano”, oggi ha un’implicazione piuttosto negativa per designare a tutto ciò che non rientra nelle categorie precedenti.
                                   
Rétro: da quando è esplosa la tendenza-vintage, alcune aziende di ‘abbigliamento hanno cominciato a produrre abiti che ricalcano lo stile di un’altra epoca. In questo caso si parla di moda rétro: oggi esistono numerose etichette specializzate, che si concentrano soprattutto sulla moda anni ’50.
Revival: nel corso degli anni, lo stile di un decennio è stato qualche volta ripreso da una decade successiva. Il revival è una citazione: così, ci si può imbattere in camicette vittoriane anni’70, o in abiti anni ’80 revival ’40.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...