lunedì 30 gennaio 2012

Vintage - The Help

                                     
Commovente, corale, esteticamente impeccabile, intenso e ricco di umorismo, The Help, tratto da uno dei romanzi più discussi degli ultimi anni. Racconta la storia di tre donne straordinarie. 
                                      
Molto diverse tra loro, le tre ragazze stringono un'improbabile alleanza intorno ad un progetto letterario rivoluzionario, in grado di abbattere le regole sociali.
                                            
Un segreto, questo, che le unirà in una grande amicizia, instillerà in loro il giusto coraggio per cambiare la propria personalità, e rischierà di farle scontrare con gli abitanti del paese in cui vivono. 
                                         
Si ride e si piange. Mentre osserviamo le vicende dell' “ieri” ci viene da chiederci se quei problemi siano stati risolti una volta per tutte e non solo negli States. La risposta è purtroppo negativa. 

venerdì 27 gennaio 2012

Scarpe, piedi e abiti vintage. I miei

                                                                           
                                                                           
                                                                                 
                                                                     
                                                                   
                                                                           

27 GENNAIO, Giorno della memoria

                                                               
27 GENNAIO, Giorno della memoria per ricordare le vittime dell'Olocausto. 
Tante le iniziative. Tra i libri in uscita ricordiamo:      
                                                                             
La stella nel pugno di Robert Sharenow, Piemme. 
Narra la vita di un ragazzo ebreo nella Berlino degli anni Trenta: Karl Stern, questo il suo nome, non ha mai pensato a se stesso come a un ebreo. Ma ai nazisti non importa che la sua famiglia non sia praticante. Demoralizzato dalle continue aggressioni subite a causa di un'eredità che non riconosce come sua, il ragazzo comincia a frequentare una palestra dove nessuno lo conosce. Si rivela una promessa del pugilato e crede che questa possa essere la strada per il suo riscatto.
                                                                            
Una strana fortuna di Maurice Grosman, La Giuntina. Autobiografia dei tre anni che cambiarono la vita all'autore: famiglia di origine polacca, emigrata a Parigi. Del padre arrestato non si hanno più tracce. La mamma cuce la stella sulle giacchette dei bimbi quando viene emanato l'ordine che è obbligatorio esibirla. A scuola tutti si chiedono il significato della stella. "Che cos'è un ebreo? domanda qualcuno. "Un giudeo" risponde un altro. E c'è un ombra di disprezzo che a Maurice non piace affatto. Iniziano i dispetti, gli insulti, le provocazioni. Un giorno Maurice si prende un calcio alla gamba; il compagno aveva le scarpe chiodate. 
Grazie a questo finisce in ospedale e si salva dal rastrellamento del suo quartiere, mentre tutta la sua famiglia salirà su un convoglio per Auschwitz. Questa l'autobiografia del fondatore di una grande catena di negozi di abbigliamento. 
                                                                     
Le foto sulla spiaggia di Roberto Riccardi sempre per i tipi La Giuntina. Il libro narra la storia di una bambina, Alba che cresce nell'Italia degli anni '50, povera di risorse ma ricca di speranze. Non conosce nulla del proprio passato. Simone è invece un padre - nel 1944 ad Auschwitz - strappa ogni giorno la vita alla morte, pregando che la sua famiglia persa di vista all'arrivo nel lager venga risparmiata dalla morte. Due storie lontane e apparentemente inconciabili, destinate però a incrociarsi sull'orizzonte di una Storia che ha, troppo spesso, calpestato ogni sentimento umano. Un romanzo che vuole essere prima di tutto una dedica. Per milioni di morti senza sepoltura.


giovedì 26 gennaio 2012

Muse contemporanee: Viviana Volpicella e il suo sorriso




                                                                                                      
                                                                                                    
                                                                                                         
                                                                                                      
                                                                                                              
                                                                                                      
                                                                                                          
                                                                                                
Source: Elena Braghieri, Tommy Ton, Garance Doré, Sartorialist

La forza di volontà e la grande tenacia. Quando volere è potere

                                                         
Laura Dekker ha vinto la sua sfida. Contro la burocrazia che la voleva troppo giovane per affrontare un'impresa incredibile. A sedici anni, la circumnavigazione della terra in solitaria.
Le mancano poche miglia per entrare nella storia della vela e soprattutto per gridare a tutto il mondo: "Avete visto? Non ero troppo piccola. "In questi giorni l'olandese, partita il 21 agosto da Gibilterra arriverà nelle Antille olandesi diventando a 16 anni la più giovane navigatrice a completare il giro del mondo a bordo della sua barca a due alberi lunga 11 metri e mezzo.
Ha dato alla sua barca il nome di un pesce tropicale che aveva conosciuto da bambina, Guppy.
Per lei l'acqua è tutto: è stata concepita al largo delle coste neozelandesi mentre i genitori stavano compiendo il giro del mondo durato sette anni. 
Grande esperta ha vissuto in barca i primi quattro anni della sua vita veleggiando con i suoi. A sei anni possedeva già una sua barca. Il padre l'ha sostenuta così fortemente da avere guai con la giustizia. 
Sapeva però che sua figlia è uno skipper esperto anche se molto giovane.

mercoledì 25 gennaio 2012

Vintage - Il decollo dello stile anni '60

                           
Dopo l'arrivo della nuova serie PAN AM in onda su FoxLife il lunedì alle 21.55 decolla lo stile anni '60.
Un emozionante ritorno al glamour di quegli anni, quando volare era un esperienza affascinante e le hostess erano delle icone glam. Oggi non possiamo più viaggiare con la mitica compagnia che ha chiuso i battenti nel 1991 inghiottita dai debiti e dalla concorrenza dei low cost ma possiamo riscoprire il look sexy delle hostess.
Possiamo riscoprire quanto sia elegante un tailleur, portare la borsetta al braccio (quindi imparare ad alleggerirla!) e mettere i guanti che arrivano al polso.

lunedì 23 gennaio 2012

Venivamo tutte per mare


Quella che segue è la recensione firmata da Tiziano Gianotti. Già la copertina mi ha aveva colpita. Il giornalista mi ha convinta!
"Un dramma della invisibilità, il romanzo delle "spose in fotografia", le giovani donne giapponesi arrivate in America all'inizio del Novecento per fare da mogli agli immigrati del Sol Levante, dove la voce narrante è un "noi" che ha la forza del coro, ogni singola storia volta a un destino plurale che è oblio, il silenzio degli invisibili. Una scelta narrativa perfetta e una tenuta di tono ammirevole, per un romanzo che apre l'anno di lettura al meglio. "Sulla nave ci chiedevamo spesso: ci piaceranno? Li ameremo? Li riconosceremo dalle foto, quando li vedremo per la prima volta sul molo?": sono le parole di una interrogazione che è di tutte loro, le ragazzine in fiore e le giovani navigate, che vengono dalla montagna, dal mare, dalla campagna, sempre e comunque dal sacrificio di sé, e sperano. Quelle fotografie che confrontano tra loro e ritraggono giovanotti abbigliati all'occidentale e dallo sguardo fiero sono le immagini di quella speranza, compagna di sogni e incubi dove ritornano le risaie. "Alcune di noi", viene detto e ripetuto a inizio di frasi che segnano differenze che avranno poco o punto corso, una volta sbarcate a San Francisco. 
                              
Ciascuna di loro ha un baule, il cui contenuto è già romanzo: kimono di varie stoffe e colori diversi per ogni occasione ed età, tra cui quello di seta bianca per la prima notte di nozze, pennelli da calligrafia e barrette di inchiostro nero, fogli di carta di riso e minuscoli Budda di ottone, statuette d'avorio del dio volpe e pietre nere del fiume, e altra bellezza: una wunderkammer portatile, come lo sono le illusioni. Non li riconosceranno, i loro mariti, le foto erano di vent'anni prima e le lettere le hanno fatte scrivere da professionisti della bella calligrafia per attirarle lì. Menzogna, quindi, da affrontare con una grazia che Julie Otsuka fissa per sempre: "Avrebbero abbassato la testa, si sarebbero lisciate la gonna del kimono e sarebbero scese dalla passerella per uscire nel giorno ancora tiepido". La prima notte di nozze non sarà che un crudele viatico alla vita americana dei giapponesi, il primo di una serie di capitoli dove il coro restituisce col "noi" storie di desolazione e fierezza, strazio e orgoglio, che il silenzio della modestia rende enigmatici, fino all'ultimo capitolo, "La scomparsa", dove entra una voce americana in cui riconosciamo lo sconcerto e la sorpresa per il loro destino, un perfetto finale in sordina che è la rappresentazione della frase chiave del romanzo: "Questa è l'America, ci saremmo dette, non c'è niente di cui preoccuparsi. E ci saremmo sbagliate". Memorabile

venerdì 20 gennaio 2012

Chi pensa positivo

                              
Chi pensa positivo raggiunge più facilmente gli obiettivi, fa scelte giuste e si gode la vita. Promette sollievo il saggio Thinking, Fast and Slow, toccasana dello psicologo israeliano Daniel Kahneman, (premio Nobel per l'economia 2002): nel suo libro, frutto di una vita dedicata alla comprensione della psiche, dei suoi trucchi rilancia il ruolo dell'ottimismo come elisir potentissimo che aiuta a raggiungere traguardi ambiziosi, a fare le scelte giuste e a godersi la vita. 
                              
Porta l'esempio di Gastone, l'alter ego spensierato, calmo e fortunato dell'ansimante e sfigato Paperino. Il cugino ottiene successi e soddisfazioni che al titolare del fumetto sfuggono sempre.
Conviene coltivare l'ottimismo per tante ragioni.
Liberi dalla paura gli ottimisti sono più consapevoli delle proprie qualità e riescono meglio a mantenere la voglia di dare il massimo del loro potenziale.
Chi pensa positivo riesce meglio nelle professioni e spesso diventa inventore, imprenditore, leader.
I cuor contenti hanno un cervello che sviluppa una memoria selettiva; tendono a memorizzare ricordi e informazioni gradevoli e a ridimensionare quelli negativi.
Ci voleva un Nobel per ricordarci ciò che la saggezza popolare da sempre ci insegna: "GENTE ALLEGRA, IL CIEL L'AIUTA"!
E ancora la celebre frase di Roosvelt all'America in ginocchio per la Depressione del '29: "Non c'è nulla di cui aver paura, se non la paura stessa." Lei è l'artefice del panico, foriero di decisioni irrazionali e spesso sbagliate.

mercoledì 18 gennaio 2012

In ogni donna si nasconde una Cenerentola

                                
Che cosa ci spinge a collezionare scarpe e a entusiasmarci di fronte a un nuovo modello come se fosse il nostro primo paio? La regista Julie Benasra ha deciso di scoprirlo con il fil documentario God save my shoes. Si è sorpresa; non pensava di sollevare tanto interesse e soprattutto di aprire un vaso di Pandora cercando di districarsi tra la complessa matassa che lega le donne al tacco 12.
Dalle sue ricerche è emerso che le donne non possono fare a meno delle scarpe coi tacchi: "è una trasformazione fisica che ha ripercussioni psicologiche. Ci si sente più attraenti e soprattutto più forti. Quando si sceglie un modello si vuole comunicare qualcosa, lanciare inconsapevolmente un messaggio che varia a seconda della personalità e dell'umore."
La regista ha incontrato i designer più famosi. 
Ecco i commenti: 
Pierre Hardy (di cui abbiamo un bellissimo esemplare in negozio) è un filosofo; Bruno Frisoni un artista. 
Manolo Blahnik è divertentissimo; il primo a sdoganare le altezze vertiginose, prendendole in prestito dalle escort per poi 
renderle eleganti.
                          
Ora anche lei si professa ossessionata dalle scarpe e va a caccia su internet.

Welcome!

Tito Agnoli per O Luce
Kaiser Idell
                                                                           

sabato 14 gennaio 2012

Elsa CON (TRO) Miuccia

                 
                                        
La soluzione per salvare le casse dei musei colpiti dalla crisi e dai tagli? 
Un'idea potrebbe esser la moda. Con 661 mila visitatori la mostra Savage Beauty di Alexander McQueen al Metropolitan Museum di New York è stata l'ottava mostra più popolare nella storia del Museo. Vendite record anche per il catalogo. Risultati eccellenti visto che sono stati superati i numeri della pubblicizzatissima mostra dei vestiti di Jackie Kennedy.
Quest'anno il Museo presenterà la mostra Elsa Schiapparelli and Miuccia Prada: on fashion che si inaugurerà il 7 maggio con il tradizionale ballo di gala del Met.
Per scoprire cosa hanno in comune Elsa e Miuccia vale la pena un viaggio al Met www.metmuseum.org. Fino al 19 agosto  

giovedì 12 gennaio 2012

Così Milano inventò lo stile. Di vita

Dalle sartorie agli showroom. L'esaltante epopea della capitale italiana del pret-à-porter raccontata attraverso l’archivio di Barbara Vitti, la pioniera delle pr.
Quando Milano inventava la Moda in un’eccitante euforia che sembrava il cuore stesso della Modernità. Una scoperta di una nuova impresa, che si lasciava alle spalle atelier e sartorie per entrare negli studi e nelle fabbriche, dove nasceva quel fenomeno che ha dato forma ai nostri tempi: il pret-à-porter.
A raccontare questa realtà che oggi è diventata sistema, con le sue scuole, gli uffici stile, gli showroom, le agenzie di cominicazione, è un libro: Professione PR, Immagini e Comunicazioni nell’archivio Vitti(a cuira di Elena Puccinelli, Skira editore). Uno specchio, senza riflessi troppo abbaglianti ma con la luce straordinaria della verità, che emerge dai documenti e dalle immagini conservate da una pioniera tra fli addetti alle pubbliche relazioni della moda.
Testimone di un periodo esaltante per il nostro Paese, che alla copertina dello Spiegel con spaghetti e pistola per illustrare il terrorismo italiano sostituiva quella del Time dedicata a Giorgio Armani, questa signora ha deciso di donare il suo patrimonio di documenti al Mic, Moda Immagini Consumi, dell’università degli studi di Milano, motore di quel vasto progetto di ricerca che sono gli archivi della moda del Novecento in Lombardia.
                                  
“La storia di questo lavoro è anche la storia della mia vita” spiega Barbara Vitti. “E gli archivi custodiscono fatti e avvenimenti che aiutano a capire un periodo in profondità. Renderli disponibili e ricordare personaggi che sono stati fondamentali mi è sembrato un dovere verso i giovani”.
Così sullo sfondo di questa Milano spumeggiante, passano tutti quei titani che hanno generato la moda degli “stili di vita”.
Senza Giorgio Armani, esisterebbe l’immagine della donna emancipata, che contratta sullo stesso terreno di affermazione professionale dell’uomo? E senza Gianni Versace, l’uomo avrebbe ritrovato il gusto neoclassico della decorazione? E senza Giancarlo Ferrè l’architettura si sarebbe così strettamente fusa con l’abito? Pronti ognuno a prove di creatività, che si traducevano in sfide industriali. Perché questa è sempre stata la moda di Milano: un’ipotesi di stile che diventa marchio e industria, così affine nel suo sogno a quello grande e bello del design. di Giusi Ferré

mercoledì 11 gennaio 2012

Vintage - The Artist

                                                           
Hollywood 1927. George Valentin è una delle star più amate del cinema muto e sta vivendo, grazie ai suoi film, l'apice della sua carriera. Una sera, all'uscita dall'anteprima di una sua pellicola, conosce Peppy Miller, giovane aspirante attrice che ritroverà anche sul set. I due intrecciano una relazione ma l'avvento del sonoro cambierà totalmente le loro vite e carriere, gettando Valentin nell'oblio e proiettando Peppy nell'olimpo del cinema.
"Un progetto ambizioso nato in sordina e dato sulla carta già perdente dal circuito produttivo e che invece si sta guadagnando il titolo di rivelazione dell'anno (ha già fatto vincere la Palma d'Oro per la migliore interpretazione maschile a Jean Dujardin e ora si prepara forse alla corsa all'Oscar). Il regista francese Michel Hazanavicius, già largamente apprezzato in patria per OSS 117 - un pastiche di spy stories parodiche - sembra aver fatto davvero centro con The Artist, film muto che narra l'odissea di un artista degli anni '20 scalzato dall'avvento del sonoro e ostacolato nell'amore da un orgoglio quasi irrazionale. Un omaggio al cinema muto di grandi maestri come Fritz LangErnst Lubitsch o Murnau che riesce però a superare l'anacronismo di un lavoro che vive e parla del passato, restituendoci la modernità di una storia d'amore resa pura dall'assenza di dialoghi, narrata solo dalla fusione di sguardi e gesti immersi in un bianco e nero che muta d'intensità a seconda dello stato delle cose: il lucido contrasto dei momenti felici e il confuso ingrigirsi dei momenti più bui. Sorprendente scoprire come, in un'epoca di roboanti produzioni in cui la voce spesso sovrasta le emozioni reali, un film sia in grado di riportarci alla pura essenza di certi attimi, pietre fondanti di un sentimento non contaminato dalla ridondanza che - di fatto - spesso appartiene al parlato." recensione di Elena Pedoto
                               
                                
                               
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...